Pagina in costruzione, ci scusiamo per il disagio

Da dove cominciare?

Venezia è una città marina, è stata una delle quattro Repubbliche Marinare e qui il vento ha sempre avuto grande importanza: vai alla scoperta della città lasciandoti trascinare da loro!

  • Maestrale: Attraverso il Ponte degli Scalzi – DRITTA – Quando soffia il vento da Nord Ovest, il Maestrale, mi piace attraversare il Canal Grande e proseguire per la piccola calle che mi porta prima verso la Chiesa di San Simeo Grande, piccola e poco conosciuta, e poi verso San Giacomo dell’Orio, che si trova in un bel campo spazioso ed è ricca di opere illustri. A volte faccio una fermata al il Museo di storia Naturale per vedere l’enorme scheletro di coccodrillo preistorico. Altre volte invece mi fermo a vedere la mostra del momento a Ca’ Pesaro. E’ sempre bello, in ogni caso, seguire la “corrente turistica” che, godendo dell’atmosfera veneziana, sbucherà come per incanto ai piedi di Rialto.
  • Grecale: Puntare in direzione Accademia – VERSO DESTRA – Quando soffia il Grecale, da Nord Est, dopo aver oltrepassato il canal Grande sul ponte degli Scalzi, giro a destra ed entro nella Chiesa dei santi Giuda e Taddeo, detta San Simeon Piccolo, e visitare la sua misteriosa
    cripta. Poi proseguo fino alla Scuola di San Rocco con gli splendidi dipinti del Tintoretto, o entro nella Chiesa dei Frari, poco più avanti, per ammirare la magnifica tela del Tiziano che cattura il fedele appena
    varcata la soglia.
  • Libeccio: In direzione Strada Nuova – A SINISTRA – Se il vento arriva da Sud Ovest, il Libeccio, mi dirigo verso la Strada Nuova. E’ l’unica strada di Venezia, la più frequentata. Brulica di bàcari, negozi e bancherelle. E’ molto allegra da percorrere e si dirama in tante direzioni. Da qui posso raggiungere la zona del Ghetto di Venezia, il più antico d’Europa, arrivare alle fondamenta della Misericordia, con le sue chiese, i suoi bacari, la casa dove nacque il Tintoretto. Arrivare poi fino alla chiesa di San Giovanni e Paolo, San Zanipolo per i veneziani, vicinissima al poco conosciuto “Ospedaletto”.
  • Scirocco: Vaporetto Linea 2 – PRENDO IL BATTELLO – Se invece soffia lo Scirocco prendo il Vaporetto, linea 2, per raggiungere comodamente la zona di Rialto o proseguire fino a San Marco e farmi impressionare dalla bellezza di Palazzo Ducale, abbagliare dall’oro dei mosaici della Basilica di San Marco, deliziare dalla musica che suona il pianoforte del “Cafè Florian” con il plateatico della piazza